Un flagship store a Londra era nei piani dell’azienda marchigiana da almeno dice anni. Ma un investimento cos importante richiede un mercato pronto, capace di dare un ritorno economico nel giro

di un paio d’anni. E il momento non poteva essere pi propizio: Quest’anno in Gran Bretagna cresciamo del 60% – dice Piero Valentini, direttore generale di Poltrona Frau, commentando l’apertura del primo monomarca a gestione diretta nella capitale inglese, in Fulham Road, avvenuta lo scorso 19 novembre –. Il nostro marchio qui funziona molto bene: la nostra capacit di interpretare l’arredo classico corrisponde al gusto degli inglesi.

Il nuovo flagship – che ha richiesto un investimento tra il mezzo milione e il milione di euro – un elegante spazio di 500 mq su due piani, progettato dallo studio londinese BDP, autore anche del padiglione Uk all’Expo di Milano. La sua funzione prevalentemente retail si integra perfettamente, spiega Valentini, con quella pi “business” dello showroom del gruppo (che comprende anche i marchi Cassina e Cappellini) in St. John Street, dedicato invece specificamente a un pubblico di professionisti. E scommette sulle grandi potenzialit di Londra come citt in pieno fermento e sviluppo economico, ma anche come hub per i principali progetti architettonici e di design a livello internazionale.

L’apertura di Fulham Road porta a 13 i flagship store nel mondo gestiti direttamente dall’azienda fondata a Tolentino 103 anni fa, che negli ultimi 7-8 anni ha spinto con particolare decisione sull’espansione all’estero, invertendo cos la quota di vendite tra mercato domestico ed estero. Quest’ultimo pesa oggi per il 60% (61% a fine 2015) su un fatturato che, dice ancora il direttore generale, dovrebbe chiudere l’anno con una crescita del 10%, un bel balzo in avanti dopo anni di difficolt (parzialmente recuperate da un ritorno alla crescita nell’ultimo triennio), con il segno positivo che ricompare finalmente anche sulle vendite in Italia.

Oggi la strategia di internazionalizzazione di Poltrona Frau si basa soprattutto su una capillare rete retail articolata, oltre che sui flagship, in 140 punti vendita monobrand e circa 400 multibrand. Il piano di sviluppo punta soprattutto al rafforzamento della visibilit e dell’identit del brand attraverso la rete dei monomarca che, entro il 2018, raggiungeranno quota 200. Sebbene presente in tutto il mondo, l’azienda guarda con particolare interesse ai mercati asiatici, a cominciare dalla Cina dove, nel 2012, ha aperto anche una filiale distributiva. Proprio dall’Asia arrivato, del resto, il principale contributo alla crescita degli ultimi 3-4 anni. Ma lo sviluppo dei flagship (che gi entro l’anno dovrebbero salire a 14) interessa tutto il mondo, anche l’Europa, in particolare quella dell’Est: Stiamo lavorando all’apertura di un monobrand a Mosca – aggiunge Valentini –: dopo un anno di turbolenze il mercato russo sembra finalmente dare qualche segnale di ripresa.
Nel 2016 arriveranno inoltre nuovi punti vendita a Berlino, a Johannesbourg e in diverse citt della Cina.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TAGS:Architettura | Asia | Cassina | Europa | Gran Bretagna | Italia | John Street | Piero Valentini | Poltrona Frau