A dispetto del fatto che il terzo trimestre nell'anno sempre il pi debole per via della larga fetta di tempo riservata alle vacanze e alla chiusura estiva, sul fronte

compravendite residenziali il terzo quarter nel 2015 conferma il trend di ripresa del settore anticipato dai numeri del periodo aprile-giugno.
Gli italiani tornano ad avere, seppur con le opportune cautele, fiducia nel mattone.
E se, secondo l'Osservatorio dell'agenzia delle Entrate pubblicato oggi, nel secondo trimestre 2015 l'aumento delle compravendite di case si attestava a quota +8,2%, con poco meno di 9mila case vendute in pi rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, da luglio a settembre 2015 le transazioni sono aumentate del 10,8% con oltre 10mila case vendute in pi rispetto al terzo trimestre 2014. Per una quota complessiva di 105mila unit sul territorio nazionale.
Il residenziale il comparto pi attivo, pertinenze comprese (+9%), segue il commerciale con un rialzo degli scambi del 7% mentre produttivo (+2,2%) e terziario (+0,9%) languono.
Il maggior interesse a investire nel mattone dettato anche da una serie di variabili legate alla forte liquidit in giro che non trova rendimenti interessanti in asset class alternative, dalle azioni in Borsa ai titoli di Stato, ma anche dal forte ridimensionamento dei valori immobiliari, che rendono l'acquisto pi appetibile e pi abbordabile.

L'andamento per aree geografiche
Particolarmente attivi nell'acquisto di una nuova casa sono stati gli abitanti di Napoli citt, i milanesi e i torinesi. Nel capoluogo campano il rialzo degli scambi ha superato di poco il 21%, mentre in provincia si fermato al 7%. I due trimestri precedenti erano stati abbastanza fermi, mentre nel 2014 si erano registrate compravendite in calo del 3,7%, unica delle otto grandi citt in terreno negativo. A Milano si sono vendute il 18,2% di case in pi rispetto a un anno fa (4.108 case contro le 3.475 passate di mano nel terzo trimestre 2014), +9% l'aumento del trimestre precedente. Nel primo quarter l'aumento si era fermato al 2%, ma quel periodo era ancora influenzato dai cambiamenti a livello fiscale per l'introduzione di un nuovo regime delle imposte di registro, ipotecaria e catastale che ha reso vantaggioso posticipare gli atti dall'ultimo trimestre 2013 al primo 2014, influenzando quindi a cascata anche la rilevazione.
La nota appena pubblicata rileva anche rialzi del 14,1% a Firenze, poi si scende al +9,2% di Palermo, mentre gli incrementi a Roma, Genova e Bologna si fermano tra il 4,6% e il 6,1%. Nelle province il primato della crescita del mercato residenziale in questo trimestre di Bologna (+14,4%) seguita a breve distanza da Genova (+14%). Si mettono in evidenza anche i comuni minori delle province di Torino, Palermo e Milano con un rialzo superiore al 10%.
Capoluoghi e centri minori
La nota conferma il trend di ripresa del mercato, guidato dai capoluoghi che registrano un rialzo pari al 12,2% a fronte di una crescita del 10 % per i comuni minori. A fare la differenza il Centro, dove lo scarto a favore dei centri pi piccoli (+12,4% contro il +8,8%).
A partire dal secondo trimestre 2015 il Nord a guidare la crescita. Nelle regioni settentrionali, con quasi 54 mila abitazioni compravendute, il tasso tendenziale di crescita
quasi doppio rispetto alle regioni del Sud, +13% contro +7%.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TAGS:Agenzia Entrate | Borsa Valori | Imposte ipotecarie e catastali | Italia